Antonino Barbato

Sono nato a Palermo il 22/02/1977. A 11 anni però mi sono trasferito con la mia famiglia a Milano. Coniugando lo studio alle prime esperienze lavorative, mi sono diplomato nel 1998 Perito Informatico. Non ho avuto la possibilità di proseguire gli studi purtroppo.
Dopo aver assolto gli obblighi di leva ho lavorato come operaio nell'ambito dei traslochi e trasporti. Successivamente ho iniziato la mia esperienza nella società di Telecomunicazioni Italtel-Siemens. Nel corso degli anni ho sviluppato la mia capacità di analisi e design fino a raggiungere la piena autonomia come Analista Programmatore nell'area Ricerca e Sviluppo, nella divenuta joint-venture Nokia Siemens Networks SpA. Professionalmente mi sentivo realizzato, sapevo di far parte di un grande gruppo di professionisti, pionieri nella ricerca radiomobile. Peccato che nel 2008 NSN ha iniziato un processo di drastico ridimensionamento dell'organico che mi ha portato, l’anno successivo, ad abbandonare le telecomunicazioni e soprattutto a prendere coscienza di come le grandi multinazionali facciano fatica a vedere il risvolto umano delle loro scelte.
In questo periodo di transizione mi sono dedicato alla mia passione, il piccolo artigianato, proponendomi come imbianchino, piastrellista, falegname, mobiliere, tuttofare con spirito di iniziativa e bisogno di portare a casa la pagnotta.
Nel Giugno 2010 ho partecipato al bando per una borsa di studio presso gli Ospedali Riuniti di Bergamo e da allora, passando attraverso tutte le precarie forme contrattuali esistenti, lavoro in sanità mettendo a frutto le mie competenze ICT. Da un anno sono dipendente della ASST Papa Giovanni XXIII. Lavorare in un ospedale pubblico offre molte possibilità per leggere la società e interpretare il modo in cui la politica incide sulla vita delle persone.
Vivo a Bergamo in Borgo Canale dal 2007 con mia moglie Gaia, bergamasca, e i nostri tre splendidi bambini, 11, 8 e 4 anni.
Sono un uomo caparbio e puntiglioso, antifascista ed europeista. Ho militato nel Partito Democratico fino a un paio d’anni fa e, anche nei momenti di lotta interiore, rabbia o delusione, la Politica mi ha sempre appassionato. Eppure non avevo mai pensato finora di candidarmi. Credo che sia giunto i momento per me di metterci la faccia e sostenere, pacatamente ma con assoluta decisione, i princìpi che hanno reso necessaria la nascita di Ambiente Partecipazione Futuro.